Testaccio in piazza

"Fatti la piazza tua"

Chi siamo

with 4 comments

TESTACCIO IN PIAZZA è un’associazione, formata da abitanti del Rione Testaccio ed architetti, che nasce per “progettare dal basso” Piazza Testaccio in vista dello spostamento del mercato che la occupa da molti anni.
Vogliamo ascoltare le idee, le proposte, le preoccupazioni, i commenti e le critiche di chi ama Testaccio, di chi ci vive, di chi ci lavora, di chi sceglie di passarci del tempo. Vogliamo mettere insieme tutte le idee e trasformarle in un progetto sostenibile e condiviso da presentare alle istituzioni preposte alla realizzazione futura della Piazza.

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE

Annunci

Written by testaccioinpiazza

settembre 9, 2010 a 11:47 am

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Visto il risultato dei progetti, non sembra che gli architetti si siano spremuti le meningi sino in fondo……
    Credo si possano tradurre i desideri dei cittadini in qualcosa di molto più vicino ai loro bisogni ed alle loro aspettative. Se nessuno lo dimostra, gli abitanti accetteranno in buona fede anche progetti sbagliati.
    Domande: perché in tutti i disegni è presente la cancellata esterna? L’hanno proposta gli architetti od i cittadini? Se l’hanno proposta i cittadini, chi li ha convinti che sia una cosa buona? Stanno apparendo cancellate ovunque a Roma. In quartieri storici, senza la presenza di comunità locali, serve sicuramente al decoro, ma in un quartiere come Testaccio, ricco di una comunità popolosa, la cancellata limita solo la fruizione dello spazio, sia fisicamente che visivamente……e poi il quadrato di alberi esterni che leva luce agli appartamenti serve solo ad enfatizzare l’esclusione del quartiere dalla vita della piazza.
    Un esempio semplicissimo: se ci fosse stato un piccolo quadrato fitto fitto di alberi nel centro, provvisto di sedute, ed il resto della piazza rimanesse libero da tutto, il decoro della piazza potrebbero monitorarlo tutti gli abitanti che vi si affacciano, la piazza sarebbe ariosa e non ci sarebbe bisogno della cancellata.
    E’ necessario progettare spazi pubblici per la comunità, non per il comune.
    Francesco

    paesaggiocritico

    novembre 10, 2011 at 11:03 am

  2. perchè non dite chi siete? dovreste mettere anche nome e cognome dei membri. grazie

    luisa

    aprile 17, 2013 at 7:33 am


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: